scopriamo FIRENZE  
     
  I vini delle colline fiorentine  
     
 

La posizione favorevole dal punto di vista climatico, la ricchezza di humus del terreno richiamarono gli Etruschi in Toscana. Essi furono i primi produttori del Chianti, uno dei vini più rinomati al mondo. Il territorio, che abbraccia  8 Comuni che si estendono tra Firenze e Siena, si presenta con un alternarsi di colline e vallate e con una vegetazione formata da querce, cipressi e pini. E’ un territorio con borghi antichi all’interno dei quali si ergono castelli, badie, casali. Nei musei locali si possono seguire le tracce del passato del Chianti osservando le opere esposte che sono un vero e proprio DNA d’identità culturale.

Uno dei centri più antichi del territorio del Chianti è il comune di Tavarnelle che è situato tra Firenze e Siena. Il suo nome deriva da “Tabernulae”, termine che indicava un luogo di sosta tra Florentia e Roma.
Il Comune è stato inserito in un “progetto integrato escursionismo” con ben 64 itinerari predisposti per gli appassionati di ciclismo, per chi ama fare lunghe passeggiate a cavallo o a piedi. Oltre ad ammirare le bellezze paesaggistiche, ad assaggiare il vino e gli altri prodotti agricoli, si possono visitare la Pieve romanica di San Pietro in Bossolo, la Chiesa e il Convento di Santa Lucia al Borghetto, il complesso di Badia a Passignano.

 

Il Chianti e gl’intellettuali


Molti artisti fiorentini hanno celebrato le virtù del Chianti.
Michelangelo Buonarroti (architetto, scultore, pittore, poeta rinascimentale) ci ha lasciato testimonianza della sua predilezione per il vino nell’epistolario. Egli era anche proprietario di un terreno nel quale produceva appunto il Chianti di ottima qualità tanto che non solo  era solito offrirlo agli ospiti ma un giorno ne inviò un barile come dono al Papa.
Altra testimonianza ci è stata tramandata da Niccolò Machiavelli. Egli, mentre si trovava in esilio in un suo podere all’Albergaccio in Sant’Andrea in Percussiva, scrisse una lettera all’amico Francesco Vettori e nel descrivere come trascorreva la sua giornata scrisse che trascorreva molte ore all’osteria dove “s’ingaglioffiva” a bere e a giocare prima di tornare a casa e dedicarsi allo studio (vestito con  panni curiali).
Un altro personaggio insigne amante del vino fu lo scienziato Galileo Galilei vissuto tra il 1564 e il 1642. Egli per dimenticare le accuse di eresia mossegli dalla Chiesa, si dilettava nella sua villa di Grignano dei vini, anzi si preoccupava di “custodire le viti, ch’egli stesso di propria mano potava e legava negli orti”.

 

 
     
 

Warning: include(nav-ristoranti.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.penisola.it/home/firenze/vini-chianti.php on line 96 Warning: include(nav-ristoranti.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.penisola.it/home/firenze/vini-chianti.php on line 96 Warning: include(): Failed opening 'nav-ristoranti.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.penisola.it/home/firenze/vini-chianti.php on line 96
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia

 
     

 

 

Hotel a Firenze
Verifica online la disponibilità
Arrivo:
Partenza:
Persone:
Camere:

  Le ricette fiorentine
  Artisti e la cucina fiorentina
  Dolci
  La storia del gelato
  Vini
  I vini delle colline fiorentine
  Chianti
  Contorni
 

Fagioli all'uccelletto

  Cavolo Strascicato
  Crespelle alla fiorentina
  Spinaci alla fiorentina
  Primi e Secondi piatti
  Acquacotta
 

Sformato di minestra di cavolo nero (ribollita) con crema di fagioli cannellini

  Pappardelle al sugo di lepre
  Petto d'anatra al brandy con cappelle di funghi porcini
  Bistecca alla fiorentina
 

Baccalà alla fiorentina

  Salsicce con fagioli all'arrabbiata

 
 
   
 

 

Link: Hotel a Sorrento | Ristoranti a Sorrento | Eventi a Sorrento | Sorrento Foto | Mappa di Sorrento