scopriamo NAPOLI  
     
  directory di provenienza: Gastronomia  
     
  Storia della Pizza  
     
 

L’origine del termine


Sin dal Medioevo a Napoli s’iniziò ad usare il termine “piza” per indicare pietanze varie: focacce, schiacciate condite e cotte al forno, dischi di pasta ripieni e fritti.
Oggi è il temine più conosciuto nel mondo che indica una pietanza basata su pochi ingredienti-base (farina, acqua, lievito, olio di oliva o strutto, mozzarella di bufala) ma che per sapore e bontà viene apprezzata da tutti anche perché nel corso degli anni sono state inventate molte variazioni con l’utilizzo di prosciutto parmigiano, alici, nutella, etc.
Le sue origini sono remote proprio perché l’utilizzo del grano per l’alimentazione è millenario.

 

LA PIZZA A NAPOLI


G. B. Basile nella sua opera in dialetto napoletano “Lo cunto de li cunti”, inserisce un racconto “Le due pizzelle” anche se non si capisce bene a che cosa si riferisca tranne che è una pietanza fatta con un disco di pasta ripiegato su un ripieno.
Solo nel Settecento compare sulla scena della cucina prima napoletana e poi internazionale la pizza col pomodoro in diverse versioni.
Inizialmente le pizze venivano preparate all’aperto su banconi posti nei vicoli, si sa che solo nel 1830 nacque una pizzeria vera e propria a Napoli, quella di Port’Alba, vicino all’arco tra piazza Dante e via Costantinopoli. Essa aveva un forno costruito in mattoni refrattari e il fuoco alimentato dalla legna, ma in seguito si pensò di costruire i forni rivestiti all’interno con i lapilli vesuviani, più adatti all’alta temperatura e per ottenere pizze migliori
La pizzeria Port'Alba, molto tempo dopo, divenne un ritrovo di artisti e scrittori famosi; forse fu là che D'Annunzio, sul piano di marmo di un tavolino, scrisse i versi di una delle più stupende canzoni napoletane: A vucchella.
E tra i frequentatori illustri ci fu Salvatore Di Giacomo, che alla pizza dedicò più volte i suoi versi.
Nel XIX secolo la pizza rientra fra i più celebri usi e costumi di Napoli, entrando a far parte integrante della tradizione culinaria napoletana. Nel testo “Usi e costumi di Napoli” di De Boucard del 1850 viene scritto: “La pizza non si trova nel vocabolario della Crusca, perchè si fa col fiore (di farina) e perchè è una specialità dei napoletani, anzi della città di Napoli (sentite il giusto orgoglio patrio e la sottile polemica).Prendete un pezzo di pasta (da pane), allargatelo e distendetelo col mattarello o percuotendolo col la palme delle mani, metteteci sopra quanto vi viene in testa, conditelo di olio o strutto, cuocetelo al forno, mangiatelo, e saprete cos'è la pizza. Le focacce e le schiacciate sono alcunché di simile, ma sono l'embrione dell'arte".

 

I SOVRANI E LA PIZZA


- All’epoca del governo di Ferdinando e Carolina a Napoli fu fatto installare, per volere della regina, un forno nel palazzo di San Ferdinando. La regina Carolina, infatti, era ghiotta di pizza ed in particolare di quella bianca, rossa e verde. Commentano i cronisti: forse Carolina non l’avrebbe gradita così tanto se avesse saputo che i tre colori sarebbero stati quelli usati da un’altra dinastia, nemica della sua, che guidò l’Italia unita.

- Nell’estate del 1889 il re Umberto I con la regina Margherita vennero in villeggiatura a Napoli nella reggia di Capodimonte, così com’era tradizione dei sovrani che volevano dimostrare ai meridionali di essere loro vicini. La regina, incuriosita da quanto aveva appreso sulla pizza, non sappiamo se da artisti o personaggi di passaggio alla corte, mandò a chiamare a corte il pizzaiolo  Don Raffaele Esposito con la moglie donna Rosa della pizzeria “Pietro il Pizzaiolo”. I coniugi Esposito, utilizzando i forni della Reggia, non solo prepararono la famosa pizza ma anche con diversi ingredienti: una con sugna, che è una sorta di strutto, formaggio e basilico; una con l'aglio, olio e pomodoro, e una terza con mozzarella, pomodoro e basilico, cioè con i colori della bandiera italiana, che entusiasmò in particolare la regina Margherita, e non solo per motivi patriottici.
 Don Raffaele, da bravo uomo di pubbliche relazioni, colse al volo l'occasione e chiamò questa pizza "alla Margherita", il giorno dopo la mise in lista al suo locale ed ebbe, come si può immaginare, innumerevoli richieste
... da qui è nata la storia della pizza Margherita!

 
 


 

 
     
  Ricette:  
 

Pizza Margherita

 
  Pizza 4 Stagioni  
     
  Eventi:  
  PizzaFest a Napoli  
     
 
Sponsor
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Invia la tua richiesta Qui
   
 
 
 


 
  Warning: include(nav-ristoranti.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.penisola.it/home/napoli/pizza-storia.php on line 170 Warning: include(nav-ristoranti.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.penisola.it/home/napoli/pizza-storia.php on line 170 Warning: include(): Failed opening 'nav-ristoranti.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.penisola.it/home/napoli/pizza-storia.php on line 170    
 
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia
 
 
     

 

 


  Le ricette di nonna Rosaria
  Il piatto della tradizione
  Storia della Pizza
  Pizza Margherita
  Pizza 4 Stagioni
   
  La bevanda della tradizione
  Storia del caffè
  Il Caffè nella canzone napoletana
  Il caffè e il teatro di E. De Filippo
   
  Dolci
  Babà
 

Casatiello dolce

  Delizie al limone
  Pere imbottite
  Pastiera
  Roccocò
  Sapienze
  Sfogliatelle
  Struffoli
   
  Liquori
 

Limoncello

  Nocino
   
  Primi e Secondi piatti
 

Vermicelli

  Paccheri e peperoni al forno
  Pasta e fagioli con le cozze
  Rigatoni alla napoletana
 

Cannelloni alla napoletana

  Scialatielli alla pescatora
   

 
 
   
 

 

Link: Hotel a Napoli | Ristoranti a Napoli | Eventi a Napoli | Napoli Foto | Mappa di Napoli

 

 

Penisola.it - Copyright Mdaweb 1996/2019 - In collaborazione con Sorrento Web Realizzato da Manolo De Angelis

 

Aggiungi la tua Azienda | Scambio Link | Collabora con Noi | Penisola nel tuo sito | Feed RSS