scopriamo Napoli  
     
  Tradizioni: 'O Munastero Santa Chiara  
     
 

La vicenda del 5 agosto 1943
Il 5 agosto 1943, alle ore 13,35 una serie di bombe incendiarie lanciate dagli aerei che sorvolavno Napoli causarono gravi danni alla Chiesa di santa Chiara. L’incendio durò circa 18 ore, in seguito ad esso le capriate della copertura crolarono, i marmi si trasformarono in calce e le sculture si decomposero. Gravi danni subirono gli affreschi di Giotto, il mausoleo di Roberto d’Angiò.
Intatto restò il chiostro contiguo alla Chiesa.
La Chiesa fu riaperta dopo dieci anni e si presentò al popolo rifatta in stile gotico provenzale.

 

La canzone che testimonia  i sentimenti del popolo di fronte alla distruzione della Chiesa:

MUNASTERIO 'E SANTA CHIARA  

             Galdieri - Barberis

Dimane?...Ma vurría partí stasera!

Luntano, no...nun ce resisto cchiù!

Dice che c'è rimasto sulo 'o mare,

che è 'o stesso 'e primma...chillu mare blu!

 

Munasterio 'e Santa Chiara...

tengo 'o core scuro scuro...

Ma pecché, pecché ogne sera,

penzo a Napule comm'era,

penzo a Napule comm'è?!

 

Funtanella 'e Capemonte,

chistu core mme se schianta,

quanno sento 'e dí da 'a gente

ca s'è fatto malamente

stu paese...ma pecché?

No...nun è overo...

no...nun ce créro...

E moro cu 'sta smania 'e turná a Napule...

Ma ch'aggi''a fá?...

Mme fa paura 'e ce turná!

 

Paura?...Sí...Si fosse tutto overo?

Si 'a gente avesse ditto 'a veritá?

Tutt''a ricchezza 'e Napule...era 'o core!

dice ch'ha perzo pure chillu llá!

 

Munasterio 'e Santa Chiara...

'Nchiuse dint'a quatto mura,

quanta femmene sincere,

si perdévano ll'ammore,

se spusavano a Gesù!

 

Funtanella 'e Capemonte...

mo, si pèrdono n'amante,

giá ne tènono ati ciento...

ca, na femmena 'nnucente,

dice 'a gente, nun c'è cchiù!

No...nun è overo...

No...nun ce crero...

E moro pe' 'sta smania 'e turná a Napule!

Ma ch'aggi''a fá...

Mme fa paura 'e ce turná!

Finale:

Munasterio 'e Santa Chiara...

Tengo 'o core scuro scuro...

Ma pecché, pecché ogne sera,

penzo a Napule comm'era

penzo a Napule comm'è?!...

 
La canzone, scritta da Galdieri e musicata da Barberis, testimonia lo sgomento dei napoletani alla notizia della semidistruzione della Chiesa di Santa Chiara in seguito al bombardamento del 5 agosto 1943; per coloro che abitavano lontano la Chiesa era sempre stata un simbolo della fede apprendere e non solo un monumento che conteneva opere d’arte.

 

 
     
     
 
  Le tradizioni napoletane
  Cantata dei pastori
 

Festa di Piedigrotta

 

Lotto

 

Miracolo di San Gennaro

 

Munastero 'e Santa Chiara

 

Pulcinella

 

Proverbi Napoletani

   
 
 
     
     
     
     
 
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia
 
 

 

 

Hotel a Napoli
Verifica online la disponibilità
Arrivo:
Partenza:
Persone:
Camere:

Monumenti a Napoli
Cappella di San Severo
Certosa di San Martino
Chiesa di Santa Chiara
Chiesa di San Domenico Maggiore
Chiesa di San Francesco di Paola
Chiesa di Sant'Angelo a Nilo
Duomo
Galleria Umberto I
Guglia dell'Immacolata
Maschio Angioino (Castel Nuovo)
Reggia e Museo di Capodimonte
Palazzo Reale
Porta Nolana
 
Parchi e ville
Gaiola
Il Bosco di Capodimonte
Parco Vergiliano a Piedigrotta
Parco dei Camaldoli
Parco del Vesuvio
Villa di Pausilypon
Villa Floridiana
Villa Pignatelli
Villa Comunale
 
 
 
   
 

 

Link: Hotel a Napoli | Ristoranti a Napoli | Eventi a Napoli | Napoli Foto | Mappa di Napoli

 

 

Penisola.it - Copyright Mdaweb 1996/2008 - In collaborazione con Sorrento Web e Sorrento Commerce

 

Aggiungi la tua Azienda | Scambio Link | Collabora con Noi | Penisola nel tuo sito | Feed RSS