scopriamo SORRENTO  
     
  Il gozzo sorrentino  
     
 
   

Sorrento vanta una tradizione marinara e cantieristica molto antiche ( X secolo). Per quanto riguarda  la costruzione dei gozzi, dalle fonti storiche si evince che tali imbarcazioni venivano costruite in particolare nel XVII secolo, grazie alla fiorente attività di pesca che si svolgeva nel golfo di Napoli.. In tale periodo esisteva già un cantiere nella Marina Grande di 200 mq adibito alla realizzazione dei  gozzi.

La denominazione “Gozzo” pare che sia legata alla gonfia sezione maestra delle imbarcazioni. In merito all’origine della costruzione di  questa imbarcazione in penisola, si racconta del ritrovamento di una barca saracena abbandonata in una cala che fu recuperata ed adattata alle esigenze dei pescatori del posto.


Il gozzo è presente in tutto il Mediterraneo con caratteristiche differenti in base ai mari che solca ed alle funzioni che deve svolgere: cabotaggio, a pesca con reti di diversa dimensione e quelli piccoli e senza reti. Il gozzo sorrentino, misurato in palmi napoletani (un palmo equivale a 26,4 centimetri), è una piccola imbarcazione a remi e a vela latina con poppa e prua di forma aguzza, destinata alla pesca locale.


L’imbarcazione nel passato era munita spesso di un numero dispari di remi, infatti la presenza del vento Maestrale ( spira da nord-ovest) nel golfo di Napoli costringeva i costruttori a munire la barca di uno o tre remi dal lato di sottovento ed un numero pari dal lato di sopravento (a sinistra) per contrastare il vento. Nei cantieri della Penisola Sorrentina ancora oggi è possibile ammirare intere pareti ricoperte di sagome e garbi, che sono utilizzati  come campione per le forme per la costruzione del pezzo  finale dell’imbarcazione.

Le origini delle tecniche di costruzione navale risalgono ai Greci, e ancora oggi gli artigiani utilizzano metodi pratici senza ricorrere a tecniche e progetti di costruzione.

 

Si dice che la vita di un gozzo sorrentino inizi mezzo secolo prima di essere costruito, in quanto il legno (olmo, quercia, pino marittimo) viene preso da alberi a grande fusto con almeno cinquant’anni di vita, oggi la gran parte del legno in commercio è esotico. La stagionatura del legname a Sorrento avveniva nelle grotte scavate nel tufo, dette “monazzeni”, ambienti ideali per la temperatura costante e ben arieggiati  che facevano sì che avvenisse un lento essiccamento del legno, di solito la stagionatura dura da 3-4 mesi ad un anno.


Una delle tradizioni del gozzo è quella di essere legato al sentimento religioso, infatti nell’estremità della prua viene messo un crocifisso che resterà durante tutta la vita dell’imbarcazione; i nomi dei gozzi, di solito, hanno sempre un nome di santi e ne portano un’immagine a bordo. Il santo dei gozzi sorrentini è Sant’Antonino, patrono di Sorrento e protettore dei naviganti e degli agricoltori.


Con l’evolversi delle moderne tecniche, oggi anche il gozzo tradizionale ha subito delle modifiche dovute all’impiego della vetroresina per la produzione in serie, inoltre un ulteriore discostamento si è avuto con la nascita del motore che  ha modificato la forma, l’estetica e la logistica dell’imbarcazione. 

 

 

Storia del Pianosa

 

     
 
     
 


 
 
  Le tradizioni
 

Festa di Santa Lucia

 

Danza tipica: La Tarantella

 

La canzone napoletana e la sceneggiata

 

La Domenica delle Palme

 

Le processioni della Settimana Santa

   
 
     
 
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia
 
 
     

 

 

Hotel a Sorrento
Verifica online la disponibilità
Arrivo:
Partenza:
Persone:
Camere:

 

I Monumenti da visitare:

  Antiche Mura
  Cattedrale
  Casa di Cornelia Tasso
  Cisternoni di Sorrento
  Excelsior Vittoria
  Museo Correale
  La Fontana (Via S.Antonino)
  Piazza Tasso
  Punta Campanella
  Sedile Dominova
  Sedile di Porta
  Vallone dei Mulini
  Via delle Grazie
  Via Pietà
  Via San Cesareo
   
  Chiese:
  Chiesa di Sant'Antonino
  Chiesa di Sant'Anna
  Chiesa dell'Addolorata
  Chiesa della SS. Annunziata
  Chiesa di San Francesco
  Chiesa dei Santi Felice e Baccolo
  Chiesa della Madonna del Carmine
  Chiesa e Monastero di San Paolo
  Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  Chiesa dei Servi di Maria
  Chiostro di San Francesco
   
  Porte antiche:
  Porta di Marina Grande
  Porta di Parsano Nuova
  Porta di Marina Piccola
   
  Ville:
  Villa Comunale
  Villa Tritone
  Villa Fiorentino
  Villa Regina Giovanna
   

Sponsor
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Invia la tua richiesta Qui
   
 
 
   
 

 

Link: Hotel a Sorrento | Ristoranti a Sorrento | Eventi a Sorrento | Sorrento Foto | Mappa di Sorrento