scopriamo SORRENTO  
     
  Chiesa dell'Addolorata  
     
 

Notizie storiche
I nobili sorrentini di Porta e Dominova,  facenti parte della Congregazione dei Sette Dolori, acquistarono un giardino in Via San Cesareo intorno  al 1730 e ordinarono la costruzione di una Chiesa da consacrare alla Addolorata di cui erano ferventi devoti. La Chiesa fu terminata nel 1739.
L' 8 ottobre 1844,  un fulmine sfondò il tetto dell’ edificio sacro e fece crollare il suo campanile. Nel 1860 con la scomparsa del Regno delle Due Sicilie, ci fu  lo scioglimento della congrega e successivamente, nel 1867, fu la chiesa fu chiusa. Sconsacrata nel 1868, la chiesa venne riaperta al culto dopo oltre settant’ anni dall' Arcivescovo Paolo Jacuzio. A causa del terremoto del 1980 la Chiesa, che aveva subito ingenti danni strutturali, è restata chiusa fino al 2007. Oggi è uno dei più begli edifici destinati al culto a Sorrento.

 

Descrizione
Edificio  in stile barocco.
Sulla  facciata in piperno si apre un  portale sormontato da un timpano spezzato con al centro un affresco raffigurante l’Addolorata. L’interno della chiesa con pianta a croce greca è in stile barocco con stucchi del tardo Settecento. Si può notare, guardando in alto, che al posto della cupola c’è una scodella ellittica; le  quattro volte sono a  botte. il pavimento è in mattoni rossi, con disegni floreali maiolicati del '700 napoletano.  All’interno delle due cappelle laterali si collocano due altari interamente di piperno sovrastati dalle opere del pittore sorrentino Carlo Amalfi, datate 1769, raffiguranti la Sacra Famiglia e la SS.ma Trinità in gloria. Sull’altare maggiore in marmi policromi è stata sistemata la statua lignea dell’Addolorata.
 Nel corso dei recenti restauri effettuati sui pilastri dell’arco centrale della facciata sono venute alla luce alcune colonne romane.

     
 
     
 


 
 
  Itinerari Consigliati
 

Dalle origini al Settecento (Percorso storico-artistico)

 

Un viaggio a ritroso nel tempo: dall’oggi al passato. (Percorso storico)

 

Andare per musei

 

Itinerario di fede

 

Lungo la costa… aspetti geomorfologici, la vegetazione, le villae romane, i fondali

 

Tutto l’anno “a spasso” per il mare: pescaturismo ed immersioni

   
  Le leggende sorrentine
 

La fanciulla alla quale Sorrento deve ( ! ) il suo nome…

 

Il mito delle Sirene

 

Il mito della Regina Giovanna

 

Le palme di confetti

 

Il miracolo di Sant'Antonino

 

Il bavaglino del bambino Gesù

  La sfogliatella Santa Rosa
  La campana a Punta Campanella
  La Pastiera

 

 
 
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia
 
 

 

 

Hotel a Sorrento
Verifica online la disponibilità
Arrivo:
Partenza:
Persone:
Camere:

 

I Monumenti da visitare:

  Antiche Mura
  Cattedrale
  Casa di Cornelia Tasso
  Cisternoni di Sorrento
  Excelsior Vittoria
  Museo Correale
  La Fontana (Via S.Antonino)
  Piazza Tasso
  Punta Campanella
  Sedile Dominova
  Sedile di Porta
  Vallone dei Mulini
  Via delle Grazie
  Via Pietà
  Via San Cesareo
   
  Chiese:
  Chiesa di Sant'Antonino
  Chiesa di Sant'Anna
  Chiesa dell'Addolorata
  Chiesa della SS. Annunziata
  Chiesa di San Francesco
  Chiesa dei Santi Felice e Baccolo
  Chiesa della Madonna del Carmine
  Chiesa e Monastero di San Paolo
  Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  Chiesa dei Servi di Maria
  Chiostro di San Francesco
   
  Porte antiche:
  Porta di Marina Grande
  Porta di Parsano Nuova
  Porta di Marina Piccola
   
  Ville:
  Villa Comunale
  Villa Tritone
  Villa Fiorentino
  Villa Regina Giovanna
   

 
 
   
 

 

Link: Hotel a Sorrento | Ristoranti a Sorrento | Eventi a Sorrento | Sorrento Foto | Mappa di Sorrento