scopriamo SORRENTO  
     
  Gli itinerari  
     
 
Percorso A: Dalle origini al Settecento ( percorso storico-artistico)
( Piazza Tasso , Sedile di Porta, Via S. Cesareo, Sedile Dominova, Villa comunale,  Chiesa e convento di San Francesco, Piazza Vittoria, Porta di Marina Grande, Chiesa di Sant’Anna)
 
 

 

Inizio percorso

Il percorso inizia dalla Piazza Tasso la cui costruzione risale al XIX secolo. Dando le spalle alla ringhiera che si affaccia sul porto di Sorrento si può godere di una visuale completa della piazza. A sinistra è ubicato l’hotel Excelsior Vittoria, più avanti a sinistra si nota la Chiesa del Carmine. Spostando lo sguardo, si possono osservare le statue di due grandi protagonisti della storia di Sorrento: quella  Sant’Antonino (patrono della cittadina) al centro e quella di Torquato Tasso (nato a Sorrento nel 1544 ed autore di grandi opere come La Gerusalemme Liberata) posta nella piazza  nel 1870 ed immersa nel verde delle aiuole davanti alle quali stazionano le “carrozzelle”, tipico mezzo di trasporto nel passato ed oggi utilizzate per le passeggiate dai turisti. Incamminandosi verso destra e spostando lo sguardo in alto si nota una torre con un orologio, si tratta del Sedile di Porta del XVI secolo. Eretto presso la porta maggiore della città, ebbe varie vicissitudini, fu trasformato, infatti, in carcere, dopo l’abolizione dei Sedili nobiliari, poi a corpo di guardia ed infine a sede del Circolo sorrentino.
All’angolo del Sedile inizia Via San Cesareo. La passeggiata lungo la strada consente di acquistare prodotti tipici di Sorrento e godere dell’atmosfera festosa che vi si respira (nel periodo natalizio, ad esempio, vengono organizzate sagre con zuppe tipiche e tombolate: la strada diventa una grande oasi di suoni, aromi e colori).Oltre allo shopping si possono ammirare palazzi antichi con stili architettonici vari fino ad arrivare al Sedile Dominova ( si affaccia sul largo detto “schizzariello” con riferimento ad una fontana dalla quale “schizzava” continuamente acqua). Il sedile risale al XVI secolo ed è conservato magnificamente (nel periodo natalizio vi si può ammirare anche un presepe mobile curato nei minimi particolari con pastori del Settecento).
Svoltando a destra, si percorre la strada P.R. Giuliani che conduce nei pressi della Villa Comunale dove è opportuno fare una breve sosta all’ombra delle piante secolari per riposarsi, rifocillarsi ed ammirare il golfo di Napoli.
All’uscita dalla Villa si possono visitare la Chiesa di San Francesco e l’attiguo chiostro sede di concerti in estate ed uno dei posti più fotografati di Sorrento, scelto in particolare dalle coppie di sposi stranieri che celebrano le nozze a Sorrento.
Svoltando a destra lungo la strada V.Veneto s’incontra uno dei più antichi hotel di Sorrento, il Tramontano, che ricorda con due targhe di essere stata la casa natìa del celeberrimo poeta Torquato Tasso e luogo d’ispirazione per lo scrittore H. Ibsen.
Si giunge infine in Piazza della Vittoria, dopo aver ammirato la vista panoramica che si gode dalla balaustra si continua la discesa e s’incontra prima Villa Pompeiana, eretta su antiche vestigia romane, poi Villa Tritone. Il percorso diventa agevole perché è in discesa e si snoda lungo una delle strade più antiche, con gradoni di pietra e vi si può ammirare in particolare una delle Porte, Porta di Marina Grande. Finalmente si giunge alla spiaggia di Marina Grande dove si può visitare la Chiesa di Sant’Anna, che si festeggia il 26 luglio in una kermesse  che si articola su più giorni e con manifestazioni religiose e folcloristiche, nonché una sagra a base di pesce fresco.
Volgendo lo sguardo in alto si può ammirare la costa frastagliata che cade a picco sul mare e le opere che l’uomo nel corso dei secoli è riuscito a realizzare scavando nella roccia.

Il percorso è terminato, si può ritornare in centro utilizzando un bus pubblico o ripercorrendo a piedi la strada già fatta.



 
     
 
  Itinerari Consigliati
 

Dalle origini al Settecento (Percorso storico-artistico)

 

Un viaggio a ritroso nel tempo: dall’oggi al passato. (Percorso storico)

 

Andare per musei

 

Itinerario di fede

 

Lungo la costa… aspetti geomorfologici, la vegetazione, le villae romane, i fondali

 

Tutto l’anno “a spasso” per il mare: pescaturismo ed immersioni

   
  Le leggende sorrentine
 

La fanciulla alla quale Sorrento deve ( ! ) il suo nome…

 

Il mito delle Sirene

 

Il mito della Regina Giovanna

 

Le palme di confetti

 

Il miracolo di Sant'Antonino

 

Il bavaglino del bambino Gesù

  La sfogliatella Santa Rosa
  La campana a Punta Campanella
  La Pastiera

 

 
 
   
Sponsor
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Invia la tua richiesta Qui
   
 
     
 
Le guide di Penisola
Amalfi - Firenze - Napoli - Positano - Praiano - Ravello - Roma - Sorrento - Venezia
 
 
     
     

 

 

Hotel a Sorrento
Verifica online la disponibilità
Arrivo:
Partenza:
Persone:
Camere:

 
 

I Monumenti da visitare:

  Antiche Mura
  Cattedrale
  Casa di Cornelia Tasso
  Cisternoni di Sorrento
  Excelsior Vittoria
  Museo Correale
  La Fontana (Via S.Antonino)
  Piazza Tasso
  Punta Campanella
  Sedile Dominova
  Sedile di Porta
  Vallone dei Mulini
  Via delle Grazie
  Via Pietà
  Via San Cesareo
   
  Chiese:
  Chiesa di Sant'Antonino
  Chiesa di Sant'Anna
  Chiesa dell'Addolorata
  Chiesa della SS. Annunziata
  Chiesa di San Francesco
  Chiesa dei Santi Felice e Baccolo
  Chiesa della Madonna del Carmine
  Chiesa e Monastero di San Paolo
  Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  Chiesa dei Servi di Maria
  Chiostro di San Francesco
   
  Porte antiche:
  Porta di Marina Grande
  Porta di Parsano Nuova
  Porta di Marina Piccola
   
  Ville:
  Villa Comunale
  Villa Tritone
  Villa Fiorentino
  Villa Regina Giovanna
   

 

 
Sponsor
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Invia la tua richiesta Qui
   

 
 
   
 

 

Link: Hotel a Sorrento | Ristoranti a Sorrento | Eventi a Sorrento | Sorrento Foto | Mappa di Sorrento